Sabino Matarrese 14/12/2016 Cosmologia

FacebooktwitterlinkedinFacebooktwitterlinkedin

English Version

Il 14 dicembre 2016 il prof. Sabino Matarrese, dell’Università di Padova, terrà una Conferenza Pubblica di Cosmologia per il progetto VIS, alle ore 17:30 in Sala Azzurra. L’ingresso è libero.
Seguirà un rinfresco nella Sala del Gran Priore. A seguire i dettagli della conferenza.

Cosa è successo nel primo secondo dopo il Big Bang?

All’inizio degli anni ’80 vari cosmologi e fisici teorici giungono indipendentemente alla stessa conclusione: l’universo è passato, nei suoi primissimi istanti di vita, attraverso una fase di espansione accelerata, cui il fisico americano Alan Guth dà il nome di “inflazione”, un parossistico processo di “gonfiamento”, dal quale tutto ciò che oggi osserviamo nel Cosmo avrebbe avuto origine. Tutta la materia, nella varietà delle sue forme, tutta la complessa struttura che osserviamo nel cosmo, sotto forma di galassie, aggregati di galassie ed altro, tutto ciò avrebbe tratto origine da minuscoli “semi”, generati dal vuoto quantistico durante l’inflazione. In realtà questo processo di generazione “dal vuoto” era stato ipotizzato da uno dei padri della meccanica quantistica, Erwin Schrödinger, già negli anni ’30. Spaventato dalla sua intuizione rivoluzionaria, descrisse questo processo come un “allarmante fenomeno”. Oggi, è proprio grazie a questo “allarmante fenomeno”, che i cosmologi riescono a spiegare, con stupefacente accuratezza, una grande varietà di osservazioni cosmologiche. E il modello dell’inflazione cosmica sembra non ammettere rivali!
L’evolversi del modello inflazionario ha segnato tutta la mia vita scientifica, sia attraverso il contributo che ho cercato di dare allo sviluppo di questa idea che attraverso il lungo e paziente lavoro di analisi dati – nell’ambito della collaborazione Planck dell’Agenzia Spaziale Europea – per testare ed eventualmente “falsificare” la teoria.

planck

sm3Sabino Matarrese è professore ordinario di Cosmologia presso l’Università di Padova. Ha svolto la sua attività di ricerca anche presso la SISSA di Trieste e il Max-Planck-Institut für Astrophysik di Garching bei München. E’ autore di più di 370 pubblicazioni sulle più prestigiose riviste internazionali di fisica e astrofisica e curatore di un libro sulle componenti oscure dell’Universo. I suoi interessi di ricerca vanno dalla cosmologia dell’Universo primordiale, e in particolare al modello dell’Inflazione, allo studio delle componenti oscure dell’Universo (materia ed energia oscura), all’analisi della radiazione cosmica di fondo, della formazione delle strutture cosmiche e della generazione di onde gravitazionali cosmologiche. E’ membro dell’Istituto Nazionale Nazionale di Fisica Nucleare e dell’Instituto Nazionale di Astrofisica; affiliato al Gran Sasso Science Institute. Collabora alla missione del satellite Planck dell’Agenzia Spaziale Europea per lo studio della radiazione cosmica di fondo ed alla preparazione delle future missioni spaziali Euclid, per lo studio delle componenti oscure dell’Universo, e LISA, per la ricerca di onde gravitazionali.

Author: Marcos Valdes

Share This Post On