Michela Fagiolini 9/maggio/2018 Scienze della Vita

FacebooktwitterlinkedinFacebooktwitterlinkedin

Il giorno 9 maggio 2018 la prof.ssa Michela Fagiolini della Harvard University, USA, terrà una Conferenza Pubblica per il progetto VIS, alle ore 17:30 in Sala Azzurra. Ingresso libero al pubblico; seguirà un rinfresco. Titolo della conferenza:

Eccitazione o inibizione: Yin/Yang della vita

Il mio lavoro è dedicato alla comprensione dei meccanismi alla base dello sviluppo e del perfezionamento dei circuiti visivi dipendenti dall’esperienza durante la prima fase di vita post-natale – in salute e in caso di sindrome di Rett – utilizzando approcci multidisciplinari che includono l’analisi molecolare, cellulare, elettrofisiologica e comportamentale. Ho concentrato la mia ricerca sulla dissezione dei circuiti visivi in presenza di disturbi neurologici, e ho scoperto per la prima volta un fenotipo visivo chiaro nei pazienti con sindrome di Rett, e che la misurazione della percezione visiva può essere utilizzata come un biomarker non invasivo e quantitativo per seguire la progressione della malattia e potenzialmente la risposta ad un trattamento terapeutico.

La prof.ssa Michela  Fagiolini ha ottenuto la laurea in Scienze Biologiche presso l’Università di Pisa e il dottorato di ricerca in Neurobiologia alla Scuola Normale Superiore sotto la guida del Prof Lamberto Maffei. Dopo aver completato una borsa post-dottorato in Fisiologia presso l’Università della California, San Francisco nel laboratorio del Prof. Michael P. Stryker, si è trasferita in Giappone dove ha lavorato nel Laboratorio per lo sviluppo di circuiti neuronali presso il Brain Science Institute con il Dr. Takao Hensch. Attualmente è professore associato di neurologia presso il Boston Children’s Hospital Harvard Medical School. Qui la prof.ssa Fagiolini si è dedicata allo studio delle malattie dello sviluppo post-natale con particolare attenzione a malattie rare genetiche quali la sindrome di Rett utilizzando approcci multidisciplinari e in stretta collaborazione con la clinica.

 

Author: Marcos Valdes

Share This Post On