Dalla caduta del fascismo alla nascita della Repubblica

FacebooktwitterlinkedinFacebooktwitterlinkedin

Partecipando a Percorsi nella Storia, potrete seguire dei veri e propri percorsi tematici all’interno di storia, scienza ed arte che vi permetteranno di scoprire e apprezzare le ricchissime risorse di Archivio e Biblioteca della SNS in alcune tra le più belle sale della SNS.

Le due visite intitolate “Dalla caduta del fascismo alla nascita della Repubblica”, si terranno mercoledì 31 maggio 2017 alle ore 10:00 e 17:00. Le visite sono aperte a privati e a classi di istituti superiori. La prenotazione è obbligatoria.

Dalla caduta del fascismo alla nascita della Repubblica

Dal luglio 1943 al giugno 1946 si consumò il passaggio dal crollo del regime mussoliniano alla nascita della Repubblica antifascista. In una cornice contraddistinta dal collasso dello Stato unitario, la violenza del conflitto totale si impresse a fondo nella quotidianità: al trauma dei bombardamenti si aggiunsero le ferite della guerra civile, della resistenza al nazi-fascismo, dell’occupazione militare tedesca e della successiva occupazione alleata. In questo triennio denso di mutamenti radicali, scandito dalla graduale liberazione della penisola, gli italiani si scontrarono con la difficoltà di fare i conti con la catastrofe bellica, e quindi con il passato fascista, in un avvicendarsi di rimozioni e speranze, protagonismo politico e desiderio di normalità. Su queste basi poggiarono la fuoriuscita dalla guerra fascista e l’avvento della democrazia, che dall’iniziale unità delle forze antifasciste si incamminò, nel clima dell’incipiente guerra fredda, verso la “Repubblica dei partiti” divisi sulla collocazione internazionale dell’Italia. Il secondo dei Percorsi nella storia 2017 illustrerà i principali snodi di questa transizione, facendo ricorso a materiali bibliografici, documentari, iconografici e multimediali. I partecipanti saranno guidati nelle rappresentazioni coeve e nella memoria di quegli eventi, intrecciando il piano locale allo scenario nazionale ed europeo. Al Palazzo del Capitano verranno richiamate le tappe fondamentali del 1943-1948, portando l’attenzione su alcuni momenti periodizzanti (il 25 luglio 1943, il 25 aprile 1945, il 2 giugno 1946, il 18 aprile 1948), su singole personalità (Carlo Azeglio Ciampi), sul vissuto dell’Italia (e di Pisa) sotto le bombe, sui manifesti politici. Al Centro archivistico, invece, l’esperienza della guerra e della ricostruzione post-fascista verrà affrontata attraverso le scritture degli allievi e docenti della Scuola Normale, senza tralasciare un episodio fortemente simbolico: l’assassinio del filosofo Giovanni Gentile. Al Palazzo dell’Orologio, infine, verranno presentati racconti autobiografici, esempi di letteratura partigiana e raffigurazioni artistiche (sculture, romanzi, cinema), ripercorrendo l’itinerario dalla “monumentalizzazione” del paradigma antifascista nell’immediato dopoguerra fino alla più recente storiografia sulla “guerra ai civili” e sull’“Italia nata dalla Resistenza”.

 

 

Author: Marcos Valdes

Share This Post On