Le visite al CAVE3D

FacebooktwitterlinkedinFacebooktwitterlinkedin

Le visite scientifico-divulgative al CAVE 3D, a cadenza settimanale (di regola, giovedì alle ore 10:00), sono rivolte sia alle classi degli istituti secondari di secondo grado  che a un pubblico generale . La prenotazione è obbligatoria e si effettua tramite l'apposito FORM ONLINE dove è riportato anche il calendario delle visite.

Le visite riguardano, a rotazione, una delle cinque Aree di VIS, ossia Biofisica, Chimica, Cosmologia, Fisica delle Particelle e Archeologia. Due perfezionandi della SNS guideranno la visita attraverso due fasi ben distinte:

  • Una presentazione introduttiva in Power Point di mezz'ora circa, in cui il pubblico riceverà una preparazione base che lo aiuti a comprendere la scienza dietro il dato scientifico virtuale 3D che visualizzerà di li a poco nel CAVE 3D.
  • La visita al CAVE 3D vera e propria, in cui ogni partecipante potrà immergersi in un ambiente virtuale e interagire con lo stato dell'arte della produzione scientifica alla SNS, come ad esempio simulazioni di molecole o di buchi neri, scan delle reti neurali del cervello, ricostruzioni 3D di scavi archeologici, eventi ad altissima energia all'interno del CERN di Ginevra. Durante la visita, che durerà 40 minuti circa, ogni partecipante potrà porre le proprie domande ai perfezionandi.

PRENOTA UNA VISITA AL CAVE3D

Il CAVE 3D

L’8 novembre 2012, nella prestigiosa cornice di Palazzo della Carovana della Scuola Normale Superiore di Pisa, nasceva il nuovo DREAMSLab, acronimo di Dedicated Research Environment for Advanced Modeling and Simulations, un percorso interattivo che unisce il mondo reale a quello virtuale e viceversa, diventato ufficialmente il Centro DREAMSLab della Scuola Normale lo scorso 26 Settembre 2013. Nel 2016 DREAMSLab entra a far parte del nuovo Laboratorio SMART (Smart Multidisciplinary Approaches for Research and Technology), diretto dalla Prof.ssa Chiara Cappelli.

Il DREAMSLab porta avanti un progetto ambizioso che si propone di creare un ponte stabile tra le scienze e le lettere ed è parte di un percorso integrato e finalizzato alla produzione e fruizione di contenuti scientifico-umanistici che saranno al centro del suo utilizzo. Il percorso integra in maniera unica il passaggio dal mondo reale a quello virtuale e viceversa, consentendo ai ricercatori di acquisire dati, annotarli e potenzialmente riprodurli sia come strumento narrativo per valorizzare studi umanistici, che scientifico per esplorare più efficientemente dati e modelli sperimentali.

Cuore di DREAMSLab è il sistema di realtà virtuale CAVE 3D: un ambiente virtuale immersivo riconfigurabile, un grande teatro di 3,00x3,00x2,25m situato all'ultimo piano di uno dei palazzi storici più famosi della città. Le pareti sono costituite da schermi di proiezione in cui è possibile visualizzare delle immagini tridimensionali. L'utente, infatti, indossando occhiali speciali, può vedere oggetti che apparentemente fluttuano in aria, e può camminare intorno a loro, ottenendo una visione corretta come se fosse nella realtà. Inoltre il sistema CAVE 3D è dotato di un impianto audio composto da 12 diffusori, ed è totalmente spazializzato; l'audio può essere riprodotto fedelmente prendendo come riferimento esattamente la posizione dell'utente all'interno dell'ambiente virtuale.

La componente percettiva quindi è arricchita anche dalla componente uditiva. Le potenzialità di uno strumento di questo tipo sono molteplici, permettendo la realizzazione di studi interdisciplinari che vanno dalla modellizzazione di macromolecole ad applicazioni antropologiche o nel campo dei Beni Culturali.

Grazie ad un’elevata potenza di calcolo (paragonabile a quasi 450 pc di ultima generazione) messa a disposizione dal DREAMSLab è possibile, ad esempio, trattare il mondo degli atomi e delle molecole come una vera e propria realtà in scala nanometrica. Con questo strumento, l’operatore riesce a muoversi all’interno di molecole, spezzarle e ricomporle con le mani, variare le forze che agiscono tra le parti, alterare le sequenze, simulare il funzionamento di sistemi complessi, fino a controllarne i processi, in modo da progettare dei nuovi prodotti in un vasto settore di attività, che abbraccia la farmaceutica, la produzione di nuovi materiali, lo studio di processi percettivi, il design industriale, ecc...

caveCMSCAVEWP_20130529_052 DSC_0292 DSC_0268 DSC_0266