Scoperto il primo asteroide con gli anelli

FacebooktwitterlinkedinFacebooktwitterlinkedin

Un gruppo internazionale di astronomi, diretto dal brasiliano Felipe Braga-Ribas, ha annunciato di aver scoperto il primo sistema di anelli attorno a un asteroide.

L'asteroide, situato fra Saturno e Urano, fu scoperto già nel 1997 e denominato Chariklo. Si tratta di un corpo roccioso con un diametro di circa 150 km, il più grande corpo celeste localizzato in questa zona. La novità risiede nel fatto che gli astronomi, utilizzando sette telescopi posizionati in regioni diverse del Sud America, fra cui il telescopio europeo situato a La Silla (Cile), hanno scoperto la presenza di un sistema di anelli che lo circonda.

Si tratta quindi del quinto corpo celeste del Sistema Solare (dopo Giove, Saturno, Urano e Nettuno) a possedere un sistema stabile di anelli, di gran lunga l'oggetto più piccolo ad averli. Il sistema è composto da due anelli, il più spesso con una larghezza di circa 6 chilometri e il più sottile di circa 3 chilometri.

Rappresentazione artistica dell'asteroide Chariklo, circondato dal suo sistema di anelli.

 

Tutti questi sistemi di anelli, compresi quelli meravigliosi che circondano Saturno, sono composti da una miriade di piccoli sassi e pezzi di ghiaccio, dalle dimensioni molto variabili, approssimativamente comprese fra un granello di polvere e una automobile.

Rappresentazione artistica degli anelli di Chariklo visti dall’interno. Crediti: ESO/L. Calçada/M. Kornmesser/Nick Risinger

Probabilmente, l'origine di questo sistema di anelli attorno al "piccolo" Chariklo è da ricondursi a uno scontro planetario con un altro oggetto più piccolo, che avrebbe innalzato una grande quantità di detriti rocciosi. Questi sarebbero rimasti in orbita attorno a Chariklo e, progressivamente, si sarebbero organizzati in un sistema ad anello, come quello osservabile oggi.

Questa nuova scoperta contribuirà sicuramente a gettare una nuova luce sul meccanismo di formazione di queste affascinanti e romantiche strutture planetarie. 

Autore: Fabio Pacucci

Author: Fabio Pacucci

Share This Post On