Alle origini del mondo contemporaneo: la Grande Guerra

FacebooktwitterlinkedinFacebooktwitterlinkedin

Partecipando a Percorsi nella Storia, potrete seguire dei veri e propri percorsi tematici all’interno di storia, scienza ed arte che vi permetteranno di scoprire e apprezzare le ricchissime risorse di Archivio e Biblioteca della SNS in alcune tra le più belle sale della SNS.

Le due visite sul tema della Grande Guerra si terranno mercoledì 22 febbraio 2017 alle ore 10:00 e 17:00. Le visite sono aperte a privati e a classi di istituti superiori. La prenotazione è obbligatoria.

Alle origini del mondo contemporaneo: la Grande Guerra

Il primo dei Percorsi nella storia 2017 intende riflettere sul “1914-1918” come momento genetico della modernità novecentesca. L’iniziativa si concentrerà sui tratti caratteristici di quella “cultura di guerra” che, ferme restando espressioni minoritarie di protesta, diede senso alla mobilitazione bellica e produsse lasciti duraturi nella società contemporanea. A tale proposito saranno valorizzati diversi tipi di fonti (letteratura, immagini, epistolari) e punti di vista (la scrittura alta e quella popolare; l’esperienza della popolazione civile e quella dei soldati; la voce dei cittadini del Regno d’Italia e quella degli italofoni irredenti). I partecipanti saranno guidati nella dimensione del racconto coevo, della memoria e della storiografia, al fine di sottoporre al vaglio critico alcuni luoghi comuni: a partire dal paradigma consensuale eroico-patriottico o dalla tendenza a considerare gli uomini del tempo solo come vittime – anziché compartecipi a vario livello – della violenza “totale”. In particolare, al Palazzo del Capitano verrà analizzata la “guerra delle illusioni” combattuta nel paese attraverso le riviste illustrate e i materiali di propaganda. Al Centro archivistico, invece, il “mito della Grande Guerra” sarà messo a confronto con le scritture prodotte al fronte, in larga misura da borghesi in uniforme. Al Palazzo dell’Orologio, infine, ci concentreremo sul 1917, anno critico del conflitto, focalizzando alcuni eventi che hanno contribuito a renderlo così “memorabile”: la rivoluzione russa, l’intervento statunitense, la denuncia dell’“inutile strage” ad opera di Benedetto XV, la disfatta di Caporetto.

Author: Marcos Valdes

Share This Post On