1968: l’anno della rivoluzione

FacebooktwitterlinkedinFacebooktwitterlinkedin

Partecipando a Percorsi nella Storia, potrete seguire dei veri e propri percorsi tematici all’interno di storia, scienza ed arte che vi permetteranno di scoprire e apprezzare le ricchissime risorse di Archivio e Biblioteca della SNS in alcune tra le più belle sale della SNS.

Le due visite intitolate “1968: l’anno della rivoluzione”, si terranno mercoledì 25 ottobre 2017 alle ore 10:00 e 17:00. Le visite sono aperte a privati e a classi di istituti superiori. La prenotazione è obbligatoria

Prenota la visita

1968: l’anno della rivoluzione

A cinquant’anni dalle Tesi della Sapienza il terzo Percorso del 2017 intende riflettere sul 1968, l’anno rimasto impresso nella memoria collettiva come simbolo della contestazione giovanile e di quel movimento studentesco che, ergendosi per la prima volta a soggetto politico, lanciò una sfida radicale alla società borghese. “Vietato vietare”, “l’immaginazione al potere”: slogan di questo tipo riassumono perfettamente lo spirito antiautoritario di tale rivolta generazionale. Il “movimento” si intrecciò ad altri fenomeni – la mobilitazione per i diritti civili, l’ascesa del pacifismo organizzato, l’operaismo, la rivoluzione sessuale – alimentando una “controcultura” dalla forte capacità creativa e comunicativa. L’iniziativa VIS illustrerà miti e realtà di un anno per molti aspetti eccezionale. L’esposizione di manifesti, materiale bibliografico ed archivistico, la proiezione di spezzoni e filmati d’epoca, la lettura recitata di brani permetteranno di ricostruire le radici e le eredità del (lungo) ’68. Ecco alcuni dei temi toccati: al Palazzo del Capitano, il Free Speech Movement, il maggio francese, la primavera di Praga e l’emergere della “sinistra extraparlamentare”; al Palazzo della Carovana, la contestazione studentesca ed i fermenti universitari visti dalla prospettiva pisana, con uno sguardo anche sugli immediati antefatti del 1966-67; al Palazzo dell’Orologio, le icone dell’utopia rivoluzionaria (Che Guevara, Mao Zedong, don Milani) ed i linguaggi mediatici della protesta, con particolare riferimento ai libri cult, alla musica, al cinema ed alla moda hippie.

Il percorso anticipa l’esposizione fotografica sul ’68 a Pisa, realizzata con la collaborazione della Scuola, che sarà inaugurata lunedì 6 novembre alle h. 17:30 a Palazzo Blu.

Prenota la visita

Author: Marcos Valdes

Share This Post On